Resoconto Consiglio Comunale del 21 ottobre 2015.

New.Logo.Lista.Conca

 

La seduta ha inizio alle ore 17:25.

Preliminarmente i Consiglieri Simone e Calce chiedono di poter effettuare alcune comunicazioni urgenti, ai sensi dell’art. 54 del Regolamento del Consiglio Comunale.
Il Cons. Simone deposita una comunicazione relativa alla mancata costituzione della Commissione Statuto e Regolamenti. Con tale nota i Consiglieri di opposizione chiariscono i motivi che sono alla base della loro decisione di non partecipare ai lavori della predetta Commissione (leggi INTERVENTO C.C. 21.10.2015).
Successivamente il Cons. Simone chiede al Sindaco di relazionare in merito ad una nota (leggi comunicazione Aero Sekur) trasmessa dall’azienda Aero Sekur con la quale la citata azienda chiedeva di avere informazioni in ordine all’area PIP di Conca della Campania. Il Cons. Simone afferma di essere sorpreso in quanto il Sindaco non si è attivato per organizzare una riunione con i responsabili dell’Aero Sekur. Egli ritiene che vadano analizzate le potenziali opportunità di investimento sul territorio concano. Il Cons. Simone sottolinea che l’Amministrazione Di Salvo è immobile e che il Sindaco non ha fatto nulla per contrastare la disoccupazione giovanile. Ribadisce che nulla è stato fatto per creare le condizioni affinché possano esserci investimenti nella zona industriale.
In ordine ai debiti fuori bilancio, il Cons. Simone evidenza che ancora una volta l’Amministrazione Di Salvo si caratterizza per il lassismo e la totale incapacità di affrontare i problemi in modo efficiente. Il Cons. Simone ribadisce che le ditte Sangiovanni e Fargnoli andavano liquidate in tempi brevi e non dopo circa 4 anni dalla c.d. emergenza neve. Il Sindaco ritiene che egli abbia fatto il possibile e che la carenza di fondi messi a disposizione dalla Regione sia la causa del mancato pagamento.
Il Cons. Simone, nell’esporre l’interrogazione relativa al servizio di trasporto scolastico, rileva che il Sig. Domenico Antonaccio, conducente dello scuolabus, sia stato rimosso senza alcun valido motivo. Il Cons. Simone evidenzia il proprio rammarico per un atto che è dannoso per gli alunni del plesso scolastico di Conca. Il Sindaco ritiene che l’Amministrazione non sia stata parte attiva nella rimozione del conducente ed afferma di aver contattato il Sig. Antonaccio per le vie brevi in modo da poter capire quali erano le intenzioni dello stesso. Il Cons. Simone insiste nel rilevare che l’Amministrazione aveva i poteri (art. 9 del capitolato con il Consorzio Nestore) per poter risolvere la questione e confermare l’incarico al Sig. Antonaccio.
Il Sindaco dispone la trattazione dei punti 4 e 5 all’ordine del giorno: approvazione Regolamento comunale per l’assegnazione dei lotti dell’Area PIP ed aiuto alle fasce deboli della cittadinanza per il pagamento di tributi comunali o altri debiti nei confronti del Comune con la forma del “Baratto Amministrativo”.
I Consiglieri Simone, Calce ed Imbriglio fanno presente che i suddetti regolamenti andavano sottoposti ad una discussione preliminare in Commissione. Evidenziano, altresì, gli innumerevoli errori presenti nei regolamenti da un punto di vista procedurale. Ribadiscono l’opportunità di prevedere un Consiglio comunale ad hoc su questi temi. Il Sindaco afferma che l’atteggiamento della minoranza è ostruzionistico. I Consiglieri di opposizione rilevano che il Sindaco intende tirare dritto senza tenere in considerazione i suggerimenti costruttivi formulati dalla stessa opposizione.

Il Sindaco prende la parola ed illustra l’ultimo punto all’ordine del giorno concernente la nomina dei componenti della Commissione Locale per il Paesaggio.
A seguito di votazione in forma segreta vengono eletti con due voti per ciascun componente i Signori Domenico Cinquegrana e Renato Russo. I restanti tre componenti, i Signori Nicola D’Agostino, Luigi Delle Donne e Massimo Mancini, vengono eletti con sorteggio. Il sorteggio viene deliberato dal Consiglio in quanto in prima votazione le cinque candidature proposte dall’Ufficio tecnico avevano raccolto un voto per ciascun candidato.

La seduta è tolta alle 22:54 circa.

Convocazione Consiglio comunale in seduta straordinaria – 21 ottobre 2015 alle ore 17,00.

Consiglio-Comunale

Si comunica che il Consiglio Comunale si riunirà nella seduta straordinaria fissata per il giorno 21 ottobre 2015 alle ore 17,00 presso l’Aula Consiliare della sede municipale per la trattazione degli argomenti di cui all’allegato ordine del giorno.

Convocazione C.C. 21 ottobre 2015

Richiesta convocazione seduta straordinaria di Consiglio comunale.

richiesta consiglio comunale

I Consiglieri comunali David Simone e Franco Calce del Gruppo consiliare Risolleviamo Conca ed il Consigliere Lelio Imbriglio del Gruppo consiliare Conca Possibile hanno depositato una richiesta di convocazione del Consiglio Comunale ai sensi dell’art. 25 comma 1 del Regolamento del C.C. per la trattazione del seguente argomento:

1) Interrogazione consiliare avente ad oggetto “Servizio trasporto scolastico” (Consigliere SIMONE, Consigliere CALCE, Consigliere IMBRIGLIO);

Il Sindaco dovrà provvedere alla convocazione entro 20 giorni.

Scarica la richiesta di convocazione del Consiglio comunale ed il testo dell’interrogazione :

richiesta convocazione C.C. 22.09.2015

Interrogazione SCUOLABUS

Bilancio 2015: Spese inutili e nessuna visione strategica.

david simone

Qui di seguito la dichiarazione di voto del Capogruppo di opposizione, David Lucio SIMONE, che è stata letta e depositata nel corso della seduta di Consiglio comunale del 24 agosto 2015:

L’atteggiamento del Sindaco è scorretto e politicamente miope. Il Sindaco dimostra ancora una volta di non aver rispetto per le istituzioni ma soprattutto per i suoi cittadini: non solo si porta in approvazione il bilancio di previsione 2015 a fine agosto, ovvero a 8 mesi dall’inizio dell’anno, ma ad oggi non abbiamo ancora ricevuto la documentazione completa. Ogni anno si ripete la stessa storia: non ci viene consegnato il bilancio previsionale in versione analitica. A dire il vero noi immaginavamo che – con il passaggio alla nuova contabilità degli Enti Locali prevista dal D.lgs n. 118/2011 integrato e corretto dal D.lgs n. 126/2014 e ravvisando che l’avvio dell’armonizzazione delle regole contabili e degli schemi di bilancio costituisce una irripetibile occasione per rendere più leggibili i conti degli enti territoriali – il Sindaco ci avrebbe convocati, anche nella sua veste di Responsabile dell’Area Finanziaria, per essere edotti e quindi partecipare a quel processo di trasparenza e veridicità dei conti. Arcano sogno!
Il riaccertamento straordinario dei residui è una operazione che non doveva essere demandata in via esclusiva alla sola struttura tecnica del Comune, ma doveva coinvolgere, nel suo complesso, la responsabilità anche della classe politica (come enunciato dalla Corte dei Conti). Anche la Minoranza consiliare è classe politica che opera nell’interesse della Comunità!
Notiamo dalla relazione dell’Organo di revisione che nel Bilancio emerge un saldo netto da finanziare di € 2.276.599,70 e che l’equilibrio sia di parte corrente che di parte capitale è coperto oltre che con le entrate del titolo IV, parte del titolo V e parte dell’avanzo di amministrazione, anche dal costituito fondo pluriennale per ben € 675.937,49. Ci auguriamo che sia stato operato un corretto riaccertamento straordinario dei residui – dal lato sia delle entrate che delle spese – e che sia stato istituito un idoneo Fondo crediti di dubbia esigibilità, tanto per evitare il prolungare dei disavanzi occulti.
Ci preme ricordare al Sindaco che i Consiglieri di opposizione hanno il diritto ed il dovere di poter visionare tutta la documentazione necessaria al corretto espletamento del proprio mandato.

Non vorremmo essere costretti a lasciare in questa aula l’anno prossimo, qualora tale atteggiamento dovesse ripetersi per la terza volta consecutiva, i soli Consiglieri di maggioranza al momento dell’approvazione del bilancio. Queste irregolarità si ripropongono costantemente e poi, però, ci si lamenta della linea politica che viene adottata dai Consiglieri del Gruppo di opposizione “Risolleviamo Conca”. Il Sindaco farebbe bene a riflettere sul suo comportamento politico e sulla chiusura totale a qualsiasi suggerimento, anche se proviene dall’interno della sua stessa maggioranza.

Ebbene, i dubbi legati a questo ultimo bilancio sono molti e non di poco conto e delle scelte fatte non condividiamo nulla, dato che tutte queste criticità non fanno altro che riversare sui cittadini ulteriori costi. Considerando che i miracoli sono impossibili, non possiamo immaginare come questo Sindaco possa amministrare in modo efficiente visto che governa con così poca lungimiranza.

Se il Sindaco Di Salvo pensa a sopravvivere, noi crediamo che gli amministratori dovrebbero migliorare Conca della Campania.

La maggioranza si accinge ad approvare un bilancio di previsione penoso che non programma nulla per Conca e non interviene neppure per risolvere le piccole esigenze del territorio.

Nonostante sia in corso un procedimento contabile sull’istituzione dello staff del Sindaco, la Giunta comunale con delibera n. 35 del 17 luglio 2015 ha deliberato di confermare lo stesso staff per i prossimi anni.
Una scelta sciagurata.

A questo bisogna aggiungere che uno dei due “assistenti personali” del Sindaco sembra che utilizzi la sede comunale per svolgere anche la propria attività professionale. Non vorremmo trovarci nella sgradevole condizione di avviare un controllo sulla attività che ella svolge in qualità di componente dello staff del Sindaco. Chiediamo che non si trascenda nell’uso privatistico della cosa pubblica. Chiediamo al Sindaco di intervenire al più presto e, ove necessario, di intraprendere tutte le azioni conseguenziali altrimenti si renderà corresponsabile di questa situazione.

Questa amministrazione è guidata da un Sindaco che non ha né capacità amministrative né politiche e che – cosa assai più grave – non ha neppure l’umiltà di riconoscere le proposte valide provenienti dall’opposizione. Basti pensare all’acquisto del defibrillatore che viene messo in bilancio dopo aver bocciato le proposte in tal senso formulate dal Gruppo Risolleviamo Conca e dopo aver deriso il nostro Gruppo in occasione della cerimonia che ha visto il dott. Francesco Mosillo donare un defibrillatore alla popolazione di Conca.

Noi abbiamo mantenuto la promessa elettorale e questo sta a dimostrare che i fatti sono più forti delle chiacchiere.

Bisogna aggiungere, poi, che il Sindaco prevede nel bilancio 2015 l’acquisto del Castello feudale. Egli continua a rincorrere le proposte formulate dal nostro Gruppo e continua ad adottare una linea politica contradditoria e senza respiro. Dopo aver assistito alla perdita di un simbolo del nostro paese senza aver fatto nulla, oggi il Sindaco sottopone questa tema alla nostra attenzione.

Ci dica una volta per tutte che cosa intende fare.

Ci dica come mai non ha esercitato il diritto di prelazione quando era possibile farlo.

Ci dica come mai, invece, egli ha esercitato il diritto di prelazione soltanto su una parte del Castello.

Dimostri di essere in grado di amministrare in modo onesto e senza essere fazioso e di parte.

Si ricordi che egli è, o almeno dovrebbe essere, il Sindaco di tutti i cittadini di Conca della Campania.

Ad oggi sono palesi il ritardo e l’incapacità programmatica che incidono in maniera negativa sulle casse comunali e quindi sulle tasche dei cittadini. Noi crediamo che Alberico Di Salvo sia inadeguato a svolgere la funzione di Sindaco. Pertanto, gli consigliamo di cambiare rotta subito perché Conca della Campania ha bisogno di essere amministrata da chi è in grado di programmare, migliorare la vita dei cittadini e offrire occasioni di sviluppo economico e sociale.

Per i motivi suesposti il nostro Gruppo voterà contro l’approvazione del bilancio di previsione 2015.
In ultimo, intendiamo rivolgere un invito a quei Consiglieri di maggioranza che nei colloqui privati si dissociano dalle scelte autoreferenziali del Sindaco: riflettete bene prima di votare. L’unica opzione politica non può essere soltanto l’appiattimento acritico su posizioni che nel vostro intimo non condividete.

Conca della Campania, 24 agosto 2015.

David Lucio SIMONE
Franco CALCE

Scarica una copia della versione depositata in Consiglio comunale:

dichiarazione voto 24 agosto 2015

Resoconto Consiglio Comunale del 13 luglio 2015.

resoconto logo

La seduta ha inizio alle ore 17:40 circa.

Sono assenti i Consiglieri Lelio IMBRIGLIO e Diego DI SALVO.

Il Sindaco apre la seduta disponendo la trattazione delle pratiche n. 1 (approvazione verbali modificati nella seduta del 27/05/2015) e n. 2 (approvazione verbali seduta del 27/05/2015) di cui all’ordine del giorno.
I verbali che non sono stati modificati, a seguito di richiesta da parte dei Consiglieri d’opposizione, vengono approvati con l’astensione dei Consiglieri Simone e Calce.

Il Sindaco dispone la trattazione della terza pratica iscritta all’ordine del giorno (Deliberazione di Giunta comunale n. 25 del 27 maggio 2015 avente ad oggetto: Riaccertamento straordinario residui attivi e passivi ex art. 3 comma 7 D. Lgs. 118 del 23 giugno 2011 – Comunicazione)

Il Cons. SIMONE chiede di poter ricevere una copia del parere formulato dall’organo di revisione sulla proposta di deliberazione di riaccertameno straordinario dei residui ex art. 3 comma 7 D.Lgs 118/2011.

Il Sindaco dispone la trattazione dell’ultimo punto all’ordine del giorno riguardante la Mozione-Proposta di rideterminazione aliquota IMU Terreni agricoli e di modifica Regolamento IUC presentata dai Consiglieri SIMONE e CALCE.

Il Sindaco ritiene che tale proposta non sia condivisibile. Egli rileva che sono stati tagliati circa 114,000 euro di trasferimenti statali a seguito dell’introduzione dell’IMU sui terreni agricoli.

Ad oggi, però, l’ente comunale ha incassato soltanto circa 30,000 euro. Per tali motivi il Sindaco preannuncia che la maggioranza respingerà la mozione e confermerà l’aliquota dello 0,76 per cento.
Il Cons. SIMONE prende la parola per il Gruppo consiliare Risolleviamo Conca ed espone brevemente la mozione-proposta di riduzione dell’aliquota Imu terreni agricoli. Egli afferma che un’Amministrazione efficiente dovrebbe impegnarsi per ridurre le tasse. Chiede che venga fatta una “mappatura” dei potenziali contribuenti affinché si possa ridurre l’aliquota applicata. Ritiene che ci siano ampiamente i margini per ridurre le tasse e razionalizzare le spese superflue. Auspica che ci sia un ravvedimento da parte dei Consiglieri di maggioranza e ritiene che vadano abolite le indennità che vengono percepite mensilmente dagli Assessori.
Successivamente il Cons. Vittorio Pellegrino chiede di poter effettuare una comunicazione urgente. Il Sindaco lo invita a formulare per iscritto le proprie osservazioni e/o interrogazioni.
Il Cons. Vittorio Pellegrino preannuncia la sua astensione in relazione alla mozione Imu terreni agricoli.

Il Sindaco pone in votazione la mozione-proposta di riduzione dell’Imu sui terreni agricoli che viene respinta con il voto contrario dei Consiglieri di maggioranza. Si astiene il Cons. Pellegrino e votano favorevolmente i Consiglieri Simone e Calce.

La seduta è tolta alle 19:45 circa.

Resoconto Consiglio Comunale del 27 maggio 2015.

New.Logo.Lista.Conca

La seduta ha inizio alle ore 17:00 circa.

Preliminarmente il Sindaco informa il Consiglio che non parteciperanno alla seduta i Consiglieri Luca Maccarone, Diego Di Salvo e Vittorio Pellegrino.

I Consiglieri Simone, Calce e Imbriglio chiedono di poter effettuare alcune comunicazioni urgenti, ai sensi dell’art. 54 del Regolamento del Consiglio Comunale.

Il Cons. Simone deposita una nota indirizzata al Prefetto di Caserta e sottoscritta da tutti i Consiglieri di opposizione. I Consiglieri chiedono, ai sensi dell’art. 38 comma 7 TUEL, un intervento del Prefetto affinché le sedute di Consiglio comunale possano essere convocate preferibilmente nelle ore serali e vengano ristabilite le condizioni necessarie per un corretto svolgimento dell’attività amministrativa e per il rispetto dei diritti dei consiglieri comunali, in modo che possano svolgere nel migliore dei modi il loro mandato (leggi la nota lettera prefetto 27 05 2015).

Il Cons. Simone, poi, chiede delucidazioni in merito all’ordinanza emessa in data 25 maggio 2015 relativamente ai lavori da eseguire sulla condotta idrica nella frazione Piantoli. Non comprende i motivi che hanno spinto il Sindaco a non contattare le ditte locali in modo da poter valutare la loro disponibilità ad eseguire i lavori.
Successivamente il Cons. Imbriglio chiede se gli assistenti personali del Sindaco (Ufficio di Staff) abbiano predisposto una relazione in ordine all’attività svolta dal momento della loro assunzione.

Il Sindaco dispone la trattazione dei punti 1,2, 3 e 4 all’ordine del giorno concernenti l’approvazione dei verbali delle sedute del 16 gennaio, 23 febbraio, 20 marzo e 6 maggio 2015.
I Consiglieri di opposizione rilevano alcune inesattezze nei verbali e chiedono di procedere con le relative correzioni. Il Sindaco ritiene che sarebbe opportuno prevedere la registrazione audio delle sedute in modo da evitare che ci siano continue modifiche ai verbali che ne ritardano l’approvazione. Il Consigliere Simone sottolinea che il Gruppo Risolleviamo Conca è favorevole a tale proposta e chiede di prevedere anche la diretta streaming delle sedute.

Il Sindaco dispone la trattazione dell’ultimo punto all’ordine del giorno riguardante l’approvazione del rendiconto delle gestione dell’Esercizio Finanziario 2014.

Il Sindaco prende la parola ed illustra la relazione del rendiconto 2014 approvata dalla Giunta comunale. Il Sindaco, poi, invita la dott.ssa Piccirillo, incaricata presso l’Ufficio Ragioneria, a partecipare alla seduta del Consiglio in modo da fornire eventuali chiarimenti.
Il Cons. Simone ritiene che vi sono le risorse per rendere gratuiti i servizi di trasporto e mensa per gli alunni della scuola di Conca. Le risorse necessarie per la costituzione dell’Ufficio di Staff potevano essere utilizzate per approvare alcuni interventi sociali in favore delle famiglie più bisognose.

Dopo un’attenta analisi delle criticità emerse dal bilancio consuntivo 2014, il Cons. Simone legge, a nome del Gruppo consiliare Risolleviamo Conca, la seguente dichiarazione di voto:

“Il rendiconto della gestione costituisce uno strumento fondamentale per valutare l’efficienza, l’efficacia e l’economicità dell’azione amministrativa e verificare il grado di realizzazione degli obiettivi che il Consiglio comunale ha assegnato in sede di approvazione del corrispondente bilancio preventivo. L’art. 227, comma 2, TUEL (Testo Unico degli Enti Locali) così come modificato ed integrato, ha fissato al 30 aprile u.s. il termine entro cui gli enti locali dovevano approvare il rendiconto della gestione. Lo stesso Ministero dell’Interno – Dipartimento della Finanza Locale – ha posto in evidenza come l’approvazione del rendiconto della gestione entro i termini fissati dalla legge costituisca un adempimento di assoluta rilevanza nella gestione amministrativa e contabile.
Noi stiamo approvando in questa seduta qualcosa che non esiste, un bilancio consuntivo che rappresenta plasticamente il fallimento dell’Amministrazione guidata dal Sindaco Alberico Di Salvo. Un’Amministrazione che svuota le tasche dei cittadini con le tasse e che poi non è capace di utilizzare le risorse introitate in modo efficiente.

Questa Amministrazione ha difeso gli interessi di cui è portatrice, un sistema clientelare che, fatte salve le dovute eccezioni, strangola il nostro paese e mina la democrazia elettiva. Ha tutelato gli amici degli amici e loro parenti ed affini.

Ha vessato i concani con tasse elevate a fronte di scarsi servizi.

La nostra è una bocciatura convinta, tecnica e politica, perché Conca merita di più per risollevarsi dal disastro attuale.
Per tali motivi, noi esprimiamo il nostro dissenso e voteremo contro l’approvazione del rendiconto 2014.

Ciò detto, noi riteniamo che una forza di opposizione seria debba avanzare delle proposte per migliorare le condizioni socio-economiche del nostro Comune.
Noi lanciamo una sfida al Sindaco: un bilancio previsionale 2015 presentato in Consiglio a breve e non a pochi giorni dal 31 luglio (termine ultimo per l’approvazione), in modo da poter discutere realmente di programmi e non di un quasi consuntivo.
Un bilancio previsionale incardinato su alcune idee concrete e fattibili per lo sviluppo del territorio e per la sostenibilità delle finanze comunali, valide anche per il futuro, che incida profondamente sui meccanismi di spesa basati su consuetudine, assuefazione, clientelismo spicciolo che non ci possiamo più permettere.
Crediamo che vi sono alcune cose che potrebbero essere fatte subito e che garantirebbero una reale trasparenza dell’azione amministrativa:

1) Istituzione degli albi delle ditte di fiducia per l’affidamento di lavori pubblici, per la fornitura di beni e le prestazioni di servizi. Gli albi dovranno essere utilizzati dal Comune stesso come strumento di identificazione delle ditte qualificate alla partecipazione alle gare di appalto (procedure negoziate ed in economia). Lo scopo è quello di prevedere l’introduzione di criteri di selezione certa e trasparente nella scelta delle ditte da invitare alle gare, salvo l’entrata in vigore della legge che prevede la costituzione della centrale di committenza;

2) Istituzione di un elenco di professionisti di fiducia per l’affidamento degli incarichi professionali, ai sensi del comma 2 dell’art. 91 e del comma 11 dell’art. 125 del D.lgs. n° 163/2006, inerenti le opere pubbliche per quanto riguarda la progettazione, direzione lavori, responsabile della sicurezza, supporto al R.u.p., assistenza al collaudo, liquidazione, contabilità dei lavori, coordinamento per la sicurezza nelle fasi di progettazione e studi geologici e le altre attività previste in merito ai servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria;

3) La previsione di procedure di partecipazione fattiva di cittadini ed associazioni alla formazione del bilancio (c.d. bilancio partecipativo);

Se intravvederemo un’apertura dell’Amministrazione comunale su alcuni di questi punti, non faremo mancare in futuro il nostro contributo in Consiglio.”

Il Sindaco pone in votazione il rendiconto 2014 che viene approvato con il voto contrario dei Consiglieri Simone, Calce e Imbriglio.

La seduta è tolta alle 22:30 circa.